Aggiungi un posto a tavola si racconta in una mostra

Aggiungi un posto a tavola si racconta in una mostra

Un format speciale per un evento unico

17 GENNAIO 2018 Teatro Europauditorium
Aggiungi un posto a tavola si racconta in una mostra
“Sono contento di una mostra che ricordi la storia e la bellezza di Aggiungi un posto a tavola, uno spettacolo a cui sono legato in maniera particolare e che ciò avvenga proprio a Bologna, una città bellissima e sempre culturalmente molto vivace. Io sono felice di tornare all’EuropAuditorium e sempre emozionato come fosse la prima volta. Sarà bellissimo festeggiare insieme al pubblico bolognese questa meravigliosa commedia musicale e – anche se con un po’ di anticipo – i mie 92 anni!”.
Così Enzo Garinei, interprete di Aggiungi un posto a tavola nel ruolo del Sindaco Crispino per circa 500 repliche e nell’attuale edizione nella Voce di Lassù, commenta l’esposizione che accompagnerà le repliche del notissimo musicall in scena al Teatro EuropAuditorium il 19, 20 e 21 gennaio.  Il pubblico dello spettacolo infatti grazie a questa iniziativa può ripercorrere i passi della famosa commedia musicale attraverso l’esposizione visitabile nel foyer della struttura.
La mostra, curata da Alessandro Caria, omaggia la storia della celebre commedia musicale con la quale Pietro Garinei e Sandro Giovannini suggellarono nel 1974 un sodalizio artistico e di amicizia che durava da 30 anni.
Proprio Bologna si è deciso di festeggiare questa storica produzione e di celebrare tre importanti traguardi: il raggiungimento delle 1.450 repliche in Italia a partire dal debutto di 44 anni fa al Sistina di Roma; il ritorno al Teatro EuropAuditorium del musical che vide come protagonista nel ’76 Johnny Dorelli, primo spettacolo in assoluto ad andare in scena con il quale, grazie all’intervento dei fratelli Alberto e Sergio Vernassa, la sala Europa del Palazzo dei Congressi divenne anche uno spazio teatrale; il raggiungimento nelle repliche bolognesi da parte del figlio di Johnny Dorelli, Gianluca Guidi, delle sue 300 repliche nel ruolo di Don Silvestro.
Approffitiamo di quest’evento per chiacchiarare un po’ con il curatore Alessandro Caria e per fargli alcune domande:
Ci puoi parlare un po’ di questa mostra?
“Quest’esposizione vuole essere un percorso volto a ritrarre tutte le tappe più importanti della vita di Aggiungi un posto a tavola, nonché la celebrazione di uno spettacolo divenuto fenomeno sociale radicato nella cultura e nella storia del nostro paese grazie a quella straordinaria affinità elettiva che Garinei e Giovannini avevano con il pubblico; e vuole anche essere un omaggio a chi ha partecipato alla creazione di questo spettacolo, nato grazie ad una felice intuizione di Jaia Fiastri, reso immortale dalle magnifiche musiche del Maestro Armando Trovajoli ed entrato nell’immaginario collettivo grazie anche al fantastico estro creativo di Giulio Coltellacci e di Gino Landi.”

Alessandro come giudichi la location del Palazzo dei Congressi, luogo trasversale in cui realizzare convegni, mostre e rappresentazioni teatrali?
“Credo che realizzare una mostra come questa all’interno del Palazzo dei Congressi esalti ancor di più lo spirito polivalente che la struttura ha già di per sé. Inoltre il foyer di EuropAuditorium è elegante ed è una cornice perfetta sia per a una mostra sia per una serata teatrale. Si tratta infatti di una location senza dubbio comoda visto lo spazio a disposizione, e capace allo stesso tempo di accogliere con calore il visitatore/spettatore teatrale.”
 Immagini questo format (mostra + spettacolo teatrale) in altri luoghi della bella Bologna, città di cultura?
“Trovo Bologna già di per sé una città molto “teatrale”, tra i suoi scorci medievali, le porte, le piazze e i suoi fantastici palazzi… Palazzo Pepoli, Palazzo Pallavicini, la Biblioteca Dell’Archiginnasio, Piazza Maggiore: ognuno di questi spazi, se messi in mano al giusto creative team può divenire una ottima location per una performance teatrale accompagnata da una Mostra che aiuti lo spettatore a calarsi ancora di più in una speciale magia… Si pensi a quello che fece Luca Ronconi con il suo Orlando Furioso!”
In quest’esposizione i principali protagonisti, insieme ad Aggiungi un posto a tavola, saranno gli spettatori che hanno applaudito questa favola in oltre 40 anni. Ogni cimelio, ogni foto, ogni oggetto rappresenta un attimo, un momento, un’emozione di ciascun spettatore. Percorrendo l’esposizione si resterà avvolti da quella poesia che solo il Teatro può dare: per chi ne è stato protagonista significa nostalgia, ricordi, amicizie, per chi ne è stato spettatore significa emozione, risate e qualche lacrima di commozione.
L’accesso all’esposizione è gratuito e riservato agli spettatori del musical delle tre repliche. 
AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA